Notification API: notifiche meno invasive a partire da Chrome 80

La Notification API, disponibile solo tramite HTTPS, offre una grande opportunità: quella di ricevere aggiornamenti importanti anche quando non stiamo interagendo con un sito o un’applicazione web. Essa è una funzionalità essenziale di molte applicazioni web; pensiamo ai servizi di delivery come Just Eat, alle notifiche che potrebbero arrivare dalla nostra banca, dai social network o dal nostro calendario.

Se da un lato queste notifiche ci danno grandi poteri, dobbiamo considerare che abbiamo anche una grossa responsabilità: non annoiare l’utente durante la navigazione sul nostro sito!

Le notifiche sono la lamentela più comune. Moltissimi siti web le utilizzano fuori contesto, richiedendo il permesso di inviare notifiche anche alla prima visita della pagina, piuttosto che farlo dopo, in un momento più rilevante.

Interfaccia meno invasiva

Ed è così, che a partire dal rilascio di Chrome 80, verrà introdotta una nuova UI e una UX meno invasiva per richiedere l’autorizzazione a inviare notifiche:

Immagine che mostra la nuova Quieter UI e UX in azione

L’utente potrà scegliere se utilizzare questa nuova interfaccia di default, attivandola dal pannello impostazioni. In ogni caso la nuova interfaccia verrà visualizzata automaticamente sotto queste due condizioni:

  1. Per gli utenti che normalmente rifiutano/bloccano le notifiche
  2. Per quei siti web con un tasso di accettazione delle notifiche molto basso (Nel blog si legge che lo sviluppatore, modificando l’UX di accettazione delle notifiche può uscire dal blocco)

L’attivazione predefinita e automatica verrà introdotta gradualmente, a partite dal rilascio della versione 80 di Chrome. Più tardi nel 2020 verranno introdotti controlli addizionali verso quei siti web rilevati come malevoli che utilizzano notifiche per gli Ads, malware o altri scopi ingannevoli.

Consigli per gli sviluppatori

Per prima cosa raccomando di testare il tuo attuale sito web con la nuova interfaccia. Per farlo abilitala manualmente a questo indirizzo: chrome://flags/#quiet-notification-prompts
Esempio:

Come seconda cosa ti consiglio vivamente di leggere e seguire le linee guida per richiedere il permesso di inviare notifiche. Riassumo qui velocemente:

  • Richiedi il permesso solamente se è realmente necessario
  • I siti che chiedono il permesso di mostrare le notifiche durante il primo accesso al sito hanno tassi di opt-in molto bassi
  • E’ consigliato aspettare che l’utente si trovi nel contesto giusto in modo da poter recepire il valore delle notifiche
  • Evitare l’utilizzo di modali che avvisano l’utente della successiva richiesta di permessi. Siti che inviano la richiesta in momenti rilevanti ottengono una bassa frequenza di rimbalzo e maggiori tassi di conversione.

Approfondimenti

Se stai sviluppando un sistema di notifiche per il tuo sito, oppure vuoi migliorare il flusso esistente parti da qui:

Google Chrome

Notification API

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *